British Racing Motors 

 

La BRM ha corso dal 1956 fino a Kyalami 1970 compreso per la scuderia Owen Racing Organisation; da Jarama a Watkins Glen 1971 Yardley Team BRM, da Buenos Aires 1972 a Watkins Glen 1973 Marlboro BRM, per la stagione 1974 Team Motul BRM, per la stagione 1975 e 1976 Stanley BRM, per la stagione 1977 Rotary Watches Stanley BRM (perso lo sponsor dopo Silverstone) Fallita  nel 1977 (nella foto a lato l'ultimo Gp della BRM).leggi la storia (foto in alto: l'ultima vittoria con Beltoise a Montecarlo 1972).
Anno 1951 GP disputati 1
Pilota entrant modello/motore gare NP NQ FOR vitt. pole GPV punti 2 3 4 5 6 7 8
Parnell BRM BRM P15 1 1   1       2       1      
Richardson BRM BRM P15   1                          
Anno 1970 GP disputati 13
Pilota entrant modello/motore gare NP NQ FOR vitt. pole GPV punti 2 3 4 5 6 7 8
Rodriguez P. Yardley Team BRM  BRM P153 12       1     23 1   2   2    
Oliver Yardley Team BRM  BRM P153 12       1     2       1      
Eaton Yardley Team BRM  BRM P153 7   2 2                      
Anno 1971 GP disputati 11
Pilota entrant modello/motore gare NP NQ FOR vitt. pole GPV punti 2 3 4 5 6 7 8
Siffert  Yardley Team BRM  BRM P153 P160 11       1 1 1 19 1   1   1    
Gethin Yardley Team BRM  BRM P160 4       1     9              
Ganley Yardley Team BRM BRM P153 P160 9 2           5     1 1      
Rodriguez P Yardley Team BRM BRM P160 5     1       9 1   1        
Marko Yardley Team BRM BRM P153 P160 4                            
Elford Yardley Team BRM BRM P160 1                            
Eaton Yardley Team BRM BRM P160 1                            
Cannon Yardley Team BRM BRM P153 1                            
Anno 1972 GP disputati 12
Pilota entrant modello/motore gare NP NQ FOR vitt. pole GPV punti 2 3 4 5 6 7 8
Beltoise  Marlboro BRM BRM P160C P180 11       1   1 9              
Gethin Marlboro BRM BRM P160C P180 10 1           1         1    
Ganley Marlboro BRM  BRM P160C P180 10 1           4     1   1    
Wisell Marlboro BRM BRM P153 P160C 6     3                      
Marko Austria Marlboro BRM BRM P153 P160C 5     2                      
Soler Roig Espana Marlboro BRM BRM P160B 2                            
Redman Marlboro BRM  BRM P180 1                            
Brack Marlboro BRM  BRM P180 1                            
Oliver Marlboro BRM  BRM P160B 1                            
Shuppan Marlboro BRM  BRM P153B   1                          
Anno 1973 GP disputati 15
Pilota entrant modello/motore gare NP NQ FOR vitt. pole GPV punti 2 3 4 5 6 7 8
Beltoise  Marlboro BRM   BRM P160E 15             9     1 3      
Regazzoni Marlboro BRM  BRM P160D/E 14         1   2         2    
Lauda Marlboro BRM  BRM P160C/D/E 14 1           2       1      
Gethin Marlboro BRM BRM P160E 1                            
Anno 1974 GP disputati 15
Pilota entrant modello/motore gare NP NQ FOR vitt. pole GPV punti 2 3 4 5 6 7 8
Beltoise BRM  BRM 160E P201 14   1         10 1     2      
Pescarolo BRM  BRM 160E P201 12                            
Migault BRM  BRM 160E P201 10   1 3                      
Amon BRM  BRM P201 2                            
Anno 1975 GP disputati 10
Pilota entrant modello/motore gare NP NQ FOR vitt. pole GPV punti 2 3 4 5 6 7 8
Wilds Stanley BRM  BRM P201 2                            
Evans Stanley BRM  BRM P201 8   1 2                      
Anno 1976 GP disputati 1
Pilota entrant modello/motore gare NP NQ FOR vitt. pole GPV punti 2 3 4 5 6 7 8
Ashley Stanley BRM  BRM P201B 1     1                      
Anno 1977 GP disputati 2
Pilota entrant modello/motore gare NP NQ FOR vitt. pole GPV punti 2 3 4 5 6 7 8
Perkins Stanley BRM  BRM P207 P201B 2     2                      
Andersson Stanley BRM  BRM P207     4                        
Pilette Stanley BRM  BRM P207     3 1                      
Edwards Stanley BRM  BRM P207     1                        

 

 


I PROGETTISTI

  • 1951: BRM T15 - Peter Berthon
  • 1956: BRM P25 - Peter Berthon, Stuart Tresilian
  • 1960: BRM P48, P48/57 - Tony Rudd
  • 1962: BRM P57 - Tony Rudd
  • 1963: BRM P61, P261 - Tony Rudd
  • 1964: BRM P67 - Tony Rudd
  • 1966: BRM P83 - Tony Rudd
  • 1967: BRM P109 - Tony Rudd
  • 1967: BRM P115 - Tony Rudd
  • 1968: BRM P126 - Len Terry
  • 1968: BRM P133 - Len Terry
  • 1968: BRM P138 - Len Terry
  • 1969: BRM P139 - Len Terry
  • 1970: BRM P153, P153B - Tony Southgate
  • 1971: BRM P160, P160B, P160C, P160D, P160E - Tony Southgate
  • 1972: BRM P180 - Tony Southgate
  • 1974: BRM P201, P201B - Mike Pilbeam
  • 1977: BRM P207 - Len Terry
 

Modelli mai utilizzati in gara:

1964 BRM P67 4WD utilizzata solo da Attwood nelle prove del Gp di Inghilterra
1979 BRM P230 la wing car della BRM mai schierata perchè il team Stanley-BRM si era ritirato dalla F1

 

 

 

Fondata nel 1947 da un consorzio di oltre cento aziende britanniche guidato da Rymond Mays e Peter Berthon per contrastare l'egemonia nelle corse delle scuderie italiane, debutta nei GP nel 1951 (foto) con un motore a 16 cilindri da 1500 cc sovralimentato con l'incredibile potenza di 380 cv/l che denuncia però gravi problemi di affidabiltà. Dopo la scelta di rinunciare al mondiale (che si correva allora con le vetture di F.2) ci fu un momento di crisi della società; 
fu rilevata dal magnate Alfred Owen nel 1956 e da lì iniziò la scalata ai vertici mondiali alla quale rimase fino al 1966, quando il cambio di regolamento dei motori cambiò i valori in campo. Prima vittoria con Bonnier nel 1959, nel  1962 vince il titolo piloti con Graham Hill (foto) che sfiora il successo anche nel 1964, penalizzato dal regolamento di attribuzione dei punti. 

Nel 1965 debutta con il team Jackie Stewart che è subito velocissimo e vince il suo primo Gp quello stesso anno, nel 1966 il debutto del potente motore 3 litri avviene solo nelle ultime gare e Stewart vince la prima di campionato guidando una 2 litri...  Nel giro di due anni perde i suoi top drivers, Hill alla Lotus e Stewart alla Matra-Tyrrell.
Arrivano anni poco competitivi e senza vittoria, anche se i piloti schierati sono sempre di prim’ordine (Rodriguez, Surtees, Siffert) Nel 1970 riprende la denominazione BRM, prima il team era iscritto come Owen Racing, Rodriguez la riporta al successo in una gara, nel 1970, nel 1971 le vittorie sono due: uno di Siffert (nella foto) ed una di Gethin in Italia, in quello che rimarrà per oltre trent’anni il Gp con la media più elevata, nel 1972 l’ultima vittoria con Beltoise a Montecarlo, in questi anni la BRM si distingue per l’alto numero di vetture ufficiali schierate in ogni Gp, anche cinque. Una inutile dispersione di forze.

Rilevata da Louis Stanley nel 1973, i risultati peggiorarono (anche se Ragazzoni ottiene la pole nella prima gara),  neppure con  l'intervento come finanziatore della Motul le cose migliorarono e portarono al declino, culminato nel fallimento dell'autunno 1977.
La squadra fu rilevata da Derek e Neil Bettridge assieme a John Jordan ma ciò non permise il ritorno nella massima serie e la nuova vettura P230 "wing car" già progettata da Leo Terry e costruita in un solo esemplare non poté mai scendere in pista. 

Negli anni che seguirono si dedicò al campionato Aurora Afx con la P207 e il pilota Teddy Pilette; dopo tre anni di sospensione, riprese l'attività sempre nella serie britannica nel 1982 con David Williams e nel 1983 con Tony Trimmer.
Rilevato il marchio da John Mangoletsi nel 1991, con la P351 categoria Gruppo C con motore 3500 cc a 12 cilindri ha partecipato ad alcune gare del Mondiale Sport (Silverstone) e IMSA 1992 (Watkins Glen) nonchè alla corsa delle 24 ore di Le Mans dello stesso anno con Wayne Taylor. Successivamente ha montato un motore Nissan sulla stessa vettura modificata (diventata P301) e ha corso nella serie europea ISRS 1996 ma con esiti fallimentari. In tutto 197 Gp con ben 526 vetture al via (anche alcuni privati usarono le BRM, tra questi la Centrosud con Bandini e poi Baghetti), 17 vittorie, 11 poles, 15 GPV, un mondiale piloti ed una coppa costruttori (nel 1962).