AJB

solo mancate qualificazione e forfait per la monoposto di Archibald James Butterworth

 

ALLARD

condotta da Sidney Allard nel Ulster Trophy del 1950 , modello Allard J2 motore Steyr

ALVIS

pilota Gerry Dunham, solo presente al Daily Mail Trophy , motorAlvis

 

AMILCAR

Pierre Flahult (Francia) utilizza il modello il modello G36 motore Amilcar nel GP di Borgogna del 1946, arriva terzo anche se con 11 giri di distacco da Wimille (ALfa Romeo), in seguito nel 1947 il modello Dal'Mat con motore Peuget viene portato in gara da Charles de Costanze e da Pierre Veyron con i colori dell'Ecurie Darl'Mat

 

 

BERKSHIRE

 

Berkshire Special

Presente alla gara fuori campionato di Goodwood nel 1955, pilota Geof Crossley, non partecipa alla gara ma solo alle prove (?)

BRISTOL

una gara nel 1948, Gp de Salon con due auto al via, una affidata al campione Louis Chiron e l'altra a Maurice Monnier, il motore era Citroen L4

 

CAMEN SPORT

presente al GP di napoli del 1953, pilota Mario d'Apuzzo, motore FIAT

 

CDL

 

1949, un gara con Michael Chorlton, motore Bugattim visto che il pilota aveva preso parte ad aclune gare con una Bugatti 51A tutto lascia pensare che si tratti di una modifica

 

CHABOUD

sette presenze per la monoposto che portava il nome del pilota francese Eugene Chaboud, 50 gare tra ufficiali e fuori campionato con due vittorie in gare extra, il team entrante era la Ecurie Lutetia, presente anche in gare ufficiali.

PARTECIPAZIONI A GARE NON VALIDE PER IL CAMPIONATO

anno squadra monoposto gare
1948 Ecurie Lutetia Chaboud Delahaye 4
1949 Ecurie Lutetia Chaboud Delahaye 3

CROMARD

motore Lea Francis per l'unica presenza nel  II United States Air Force Trophy 1953 con il pilota inglese Joyce Howard

DARL'MAT

schierata dall'Ecurie Darl'Mat nel 1947 (1 gara) e nel 1948 (3 presenze) con Charles de Costanze ,era spinta dal motore Peugeot, si presume un   forte legame con la Amilcar  , nel 1949 non si qualifica con Adrien Caire a Marsiglia

 

DHS

 

Pilota Gerry Dunham , una gara nel 1953 ed una nel 1954, motore Rover

 

FDS

 

Una gara nel 1952 con Agostino Accadia, motore FIAT

 

FIAT

Una sola gara nel 1946 con Eric Van Kempen, pilota privato che partecipa con una FIAT 500 Balilla.....

 

 

FIORDELESI

 

GP Napoli 1952 , pilota Pietro Fiordelesi, motore ALFA Romeo

 

FORD PIAN

 

Alfredo Pian (argentino) la porta in gara nella gara di casa del 1954

GIAUR

GP Roma 54 , pilota Bernardo Taraschi, motore FIAT

 

HERON

una delle molte monoposto fai da te dei sud africani, partecipa ad alcune gare locali

 

PARTECIPAZIONI A GARE NON VALIDE PER IL CAMPIONATO

anno squadra monoposto gare
1961 Scuderia Alfa Heron F.J. Alfa Romeo 3
1962 Scuderia Alfa Heron F.J. Alfa Romeo 1
1964 Team Valencia Heron F.J. Alfa Romeo 1

HOLBEIN

Karl-Günther Bechem  che correva con lo pseudonimo Bernard Nacke la porta in gara in Germania nel 1952 ad Avus, modello HH48 motore BMW

HRG

HRG Engineering Company  Fondata nel  1936 da  Edward Halford, Guy Robins and Henry Ronald Godfrey, prende parte solo a due gare nel 1952 cin Ted Lund e ne  1955 con Mike Keen, il mortore era il Lea Francis, in altre tre occasioni non prende  il via,

JENNINGS

il sudadfricano Bill Jenning la porta in gara nelle gare locali in quattro occazioni dal 1961 al 1962, motor Porsche L4

 

LENKIN

una sola presenza nel 1946 con il belga Desirè Boudart nel Grand Prix des Frontières in Belgio

MAGDA

Partecipa solo al GP di Cecoslovacchia del 1949 con il locale Jaroslav Vlcek, motore FIAT L6

M.G.

la sigla sta per Morris Garage, fondata nel 1922 ed attiva fino al 1952, partecipa ad Gp di Cecoslovacchia del 1940 con il locale Zdenek Pohl  (modello K) ed all'Ulster Tropy del 1950 con Bobby Baird, modello R, entrambi prodotti prima della guerra, motore M.G.

 

MONACI

e gare in Italia nel 1952 , pilota Giovanni Rocco, motore Monaci, sarebbe interessante saperne di più.....

 

MONNIER

 

Monnier Speciale 2 motore BMW L6 e Bristol , presente in tre gare: 1953 con Mulnard e lo stesso Monnier, nel 1954 con Pierre Bastien.

 

NETUAR

utilizzata in Sud Africa dal 1961al 1964 dal pilota Rauten Hartman, motore Peugeot, tre  presenze ed una non qualificazione.

 

ORLEY

1962, motore BMW, pilota e manager Alexander Todd Orley, statunitense. vedi anche Todd

 

PAGANELLI

Sabatino Paganelli, con la sua officina nel napoletano, in via San Pasquale a Chiaia, salì agli onori della cronaca quando l'Aprilia carrozzata Touring da lui modificata vinse, nelle mani di Luigi Bellucci, il campionato italiano nel 1939 nella classe 1500 . Nel 1946 nacque, ad opera di Vincenzo Borghese e Tommaso Liguori, la Scuderia Partenope  e Sabatino Paganelli ne diventò il preparatore ufficiale. La scuderia nel tempo comprese una Fiat Siata 500 , una Fiat Siata 1100 , una berlinetta Fiat 508C MM e una Fiat-Paganelli già Stanguellini Ala d'Oro , tutte passate per le cure di Sabatino. Ci furono altre auto, come una Alfa Romeo 2300 o la cosiddetta Lancia Aprilia Barchetta Barrile dal nome del Barone che ne fu proprietario . Nel 1948, sempre Luigi Bellucci, ordinato un telaio Gilco lo affidò a Paganelli per montarvi un motore Lancia Aprilia 1500 da lui preparato. La Lancia Paganelli Sport Internazionale era nata . Stando ai ricordi del costruttore, ne furono realizzate ben 15 con motori portati fino a 2 litri, oltre a 2 vetture a passo lungo con balestre rovesciate e carrozzeria Schiaretti e infine 2 berlinette carrozzate da Farina . Una di queste Lancia-Paganelli continuerà la sua carriera fino ai primi anni 60 nelle mani di Agostino Accadia, aggiornata e rinominata LPA 1500 . Sono giunte fino a noi, la prima delle Lancia-Paganelli, quella guidata da Bellucci nonchè l'unica che ebbe il motore elaborato anche nella versione intermedia da 1750cc una delle vetture a passo lungo carrozzate da Schiarettie una terza Lancia-Paganelli, dotata del motore Appia 1500 seconda serie. In Formula 1 prende parte al GP di  Napoli  52 con Luigi  Bellucci,. motore Fiat L4, presente anche nel 53 con Luigi Argenzianos sempre a Napoli. da https://www.facebook.com/ArchivioVettureSport/posts/168554597122568

PS SPECIAL

presente nel Gp di Napoli del 1952 con Clemente Biondetti

 

QUADRO

Ennesima monoposto sudadricana, presnete in tre gare nel 1961 con motore Cliamx e Don Philp alla guida

 

RILEY

La Riley è stata una casa automobilistica inglese attiva dal 1898. Dopo la fusione nella British Leyland il marchio Riley cessò di esistere nel 1969. partecipa a solo due gare con Sheila Darbyshire nel 1947 motore Riley, e ne l1948 con Geoff Richardson, motore ERA.

 

ROVER

altra marca inglese, solo due gare nel 1952 con Spencer King e nel 1953 con Ron Searles con la scuderia di Oliver Simpson che invece non riesce a prendere il via in una paio di occasioni, i motori erano Rover e BMW

 

RG SPECIALE

 

il pilota Roger Gerboud dopo due tentativi andati a vuoto condice la usa monoposto con motore BMW 1,6  al  Grand Prix des Frontières del 1954, si ritira nel corso del primo giro: meterora assoluta.

 

 

SALMSON

 

una gara nel 1946 con Eugene Martin

 

SCORPION

 

Sud Africa 1962, pilota Gordon Henderson , motore Alfa Romeo L4

 

STANGUELLINI

 arriva quarta al Gp di Napoli DEL 1952, piolota Giuseppe Rossi, unica altra gara nel 1949 con Ferdinando Righetti a Marsiglia con la Scuderia Stanguellini, il motore era FIAT L4

http://www.stanguellini.it/en

 

TATRA

partecipa al GP di Cecoslovacchia del 1949 c9n Bruno Sojka e Yuri Sidorov che non prende il via

 

TODD

una sola gara nel 1948 con pilota Alex Todd Orley e motore BMW  - vedi Orley

 

TOJERO

in realtà schiera una sport nel 1953 (pilota Cliff Davis, motore Bristol) ed una F2 nel 1955 (pilota Gordon Rolls, motore Bristol)

 

VM

 

VM Monoplace motore Tetra V8 , meteora assoluta, prende parte solo alle prove del XXIII Grand Prix des Frontières del 1954 a Chimay in Blegio,

pilota l'italiano semisconosciuto Viglielmo Matozza