Kejio (Keke) ROSBERG

nato il 06/12/1948 a Stockholm (Svezia)
debutto 1978 Sud Africa (Theodore)
anno squadra monoposto gare NP NQ punti vitt. pole GPV
1978 Theodore Theodore TR1 Ford 1   4                  
  ATS ATS HS1 Ford 5                      
  Theodore Wolf WR1 Ford 3   1                  
1979 Wolf Wolf  WR7 Ford 7   1                  
1980 Fittipaldi Fittipaldi F8 Ford 11   3 6         1   1  
1981 Fittipaldi Fittipaldi F8 Ford 9   5+1F                  
1982 Williams Williams FW08 Ford  15     44 1 1   3 2 1 3  
1983 Williams Williams FW08 Ford/Honda 15     27 1 1   1   2 3  
1984 Williams Williams FW09 Honda 16     22 1     1   2   1
1985 Williams Williams FW10 Honda 16     40 2 2 3 2 1 2    
1986 Mclaren Mclaren MP4-2C TAG 16     22   1   1   4 2  
      114     159,5 5 5 3          

 


Nato il 6/12/1948 a Stoccolma in Svezia ma cittadino finlandese, Rosberg nel 1975 vince la Castrol GTX Formula Vee, nel 1976 corre in F2 e nel 1977 in F2 e Formula Atlantic, il debutto in F1 avviene nel 1978 nel Gp del Sud Africa con una Theodore TR1 Ford, il 19 marzo dello stesso anno vince a sorpresa il F1 International Trophy a Silverstone, gara che si svolge sotto una pioggia torrenziale, in quella occasione da dimostrazione di coraggio. Dopo questa vittoria, però, il campionato della Theodore é disastroso, arrivano ben quattro mancate qualificazioni consecutive, il team si prende una pausa e Rosberg corre alcune gare con la ATS.

Nel frattempo Teddy Yip acquista una Wolf WR1 e con questa monoposto Rosber corre tre Gp ed in una occasione non si qualifica, finisce la stagione con la ATS. Nel 1979 é senza ingaggio e va a correre nella serie CAN-AM, a metà stagione é chiamato dal team Wolf per sostituire Hunt, corre sette Gp (in Canada non si qualifica) senza ottenere punti, unico acuto un ottavo posto in griglia in Olanda, a fine anno il team Wolf chiude i battenti ed il materiale passa alla squadra di Fittipaldi, anche Rosberg é ingaggiato dal team del campione brasiliano, i due costituiscono una discreta copia di piloti ed ottengono qualche buon risultato, nonostante il materiale a disposizione non sia dei migliori, in particolare il finlandese va sul podio con un terzo posto nella gara di apertura e ottiene un quinto posto in Italia, a fine anno Fittipaldi si ritira dalle gare attive e Rosberg diventa la prima guida della squadra, il campionato é disastroso a causa dell'assoluta mancanza di mezzi economici, le macchine erano quasi completamente senza sponsor sulla carrozzeria, dopo un avvio dignitoso la seconda parte del mondiale é terribile, con diverse mancate qualificazioni, tuttavia Fittipaldi assolve i suoi piloti ed, anzi, dichiara pubblicamente che Rosberg é uno dei migliori piloti del momento. Nel 1982, un pò a sorpresa, é chiamato alla Williams come secondo di Reutemann. Nella gra di esordio é quinto, in Brasile arriva secondo ma viene squalificato, dopo questo Gp Reutemann annuncia il suo ritiro, Rosberg passa da pilota di un team con difficoltà di qualificazione a prima guida di un top team, in pratica si trova al posto giusto nel momento giusto, la Williams non é la macchima migliore del mondiale, utilizza ancora il motore Cosworth mentre Ferrari e Renault con il turbo volano, anche Brabham e Mclaren sono competitive, Rosberg si dimostra pilota affidabile e veloce e conquista diversi piazzamenti, durante le prove del Gp di Germania il leader del mondiale, Didier Pironi, é vittima di un terrificante incidente che mette fine alla sua carriera in F1 (il pilota francese morirà nel 1987 in una gara di off shore). Prima della gara Pironi ha 39 punti, Watson 30, Prost 25, Lauda 24 e Rosberg solo 23, il finlandese arriva terzo ed é l'unico dei primi a muovere la classifica, in Austria é secondo dopo una volata mozzafiato con Elio De Angelis, si porta a 33 punti mondiali, a Digione, nel Gp di Svizzera,  arriva la prima vittoria ed il primato in classifica, 42 punti contro i 39 di Pironi (ormai fuori gioco9 ed i 31 di Prost che guida una veloce quando inaffidabile Renault, battuta di arresto in Italia, con Watson che prende 3 punti e si porta a 33, matematicamente potrebbe vincere il titolo vincendo a Las Vegas, sul circuito del Caesar's Palace trionfa un fantastico Alboreto, Watson é seconfo e Rosberg quinto e campione del mondo.

In seguito corre ancora per la Williams, nel 1983 vince a Montecarlo e finisce il mondiale con 27 punti, in Sud Africa porta al debutto il motore turbo della Honda, nel 1984 vince a Dallas e chiude con 20,5 punti, ottimo il campionato 1985 con due vittorie (USA e Australia) e 40 punti finali, tuttavia non riesce più ad inserirsi nella lotta per il titolo. Nel 1986 passa alla Mclaren-TAG, ma é forzatamente costretto ad un ruolo secondario rispetto a Prost che vince il campionato, ottiene una pole in Germania ed un secondo posto a Montecarlo, finisce con  20 punti il suo ultimo mondiale. Nel 1991 torna a gareggiare nelle categorie sport e turismo, partecipando al prestigioso DTM nel 1992, 1994 e 1995. In seguito diventa team manager sempre nel DTM ed ultimamente nell'Europeo di F3, partecipa ancora ad alcuni Rally nel 2001 e nel 2003. Da qualche anno segue anche l'attività del figlio Nico, campione GP2 2005 e pilota Williams F1 nel 2006.