Mike HAWTHORN

nato il 10/04/1929 a Mexborough  Morto 22 Gennaio 1959 Guildford per incidente stradale
debutto Gp  Belgio 1952 (Cooper)
anno squadra monoposto gare NP punti vitt. pole GPV 2 3 4 5 6
1952 AHM Cooper T20 Bristol 5   10         1 2    
1953 Ferrari Ferrari 500 8   19 (27) 1       2 3 1  
1954 Ferrari Ferrari 625  8   24, 9/14 1   1 3   1    
1955 Vanwall Vanwall VW1 2   0                
  Ferrari Ferrari 555/625 3                    
1956 Owen Maserati 250F 1 1 4         1      
  Owen BRM P25 1                    
  Vanwall Vanwall VW2 1                    
1957 Ferrari Ferrari 801 6   13       1 1 1    
1958 Ferrari Ferrari 246 10   42 (49) 1 4 5 5 1 1    
TOTALE     45   123 4 6          

 

Nato il 10/4/1929 (Mexborough) , morto il 22/1/1959 (Guildford) in un comune incidente stradale pochi mesi dopo il suo ritiro dalle gare. Inizia a correre nel 1951 e nel 1952 approda in Formula 1, una vera anomalia con i suoi ventitre anni per il periodo, infatti l'et dei piloti nei primi anni '50 era abbastanza alta (Fangio ne aveva 41, Farina 45, il giovane Ascari 34), corre il primo campionato con una Cooper iscritta dal team AHM, con questa non certo eccezionale monoposto conquista un terzo posto in Gran Bretagna e due quarti posti, al debutto in Belgio e in Olanda. Nel 1953 chiamato a far parte dello squadrone Ferrari, capitanato da Ascari. Il pilota inglese non sfigura nei confronti dei compagni di scuderia (Ascari, Villoresi, Farina) e vince il suo primo Gp in Francia, tra l'altro si tratta della prima vittoria di un pilota britannico in una gara iridata. 

Nel 1954 Ascari firma per la Lancia e Farina si infortuna dopo due gare, la Ferrari non ha un vero primo pilota, per Maranello corrono anche Gonzales e Trintignant. Il campionato dominato da Fangio con la Maserati prima e con la Mercedes dopo, Hawthorn ottiene alcuni buoni piazzamenti e vince l'ultima gara in Spagna, giocando di astuzia e lasciando sfogare Schell (Maserati) partito leggerissimo. In seguito si fa tentare dalle scuderie inglesi, nel 1955 firma per la Vanwall, che non ancora competitiva, dopo solo due gare ritorna in Ferrari ma non ottiene risultati, sempre quell'anno vince in copia con Bueb  la 24 di Le Mans con la Jaguar. Nel 1956 firma per il team di Arthur Owen che si propone di riportare in F1 la BRM dopo la fugace apparizione del 1951, le macchine non sono ancora pronte e corre in Argentina con una Maserati iscritta da Owen (arriva terzo), in Francia risale sulla Vanwall, finalmente la BRM pronta e la porta a debutto in Gran Bretagna con un sorprendente terzo tempo in prova, al via riesce anche a scattare in testa ma costretto al ritiro. Un evento eccezionale per l'epoca, fino ad allora infatti nessuna vettura green england era riuscita, anche solo parzialmente, ad emergere. Nel 1957 torna alla Ferrari ma quell'anno c' poco da fare contro Maserati e Vanwall, potrebbe vincere in Germania ma un errore di valutazione della squadra fa sottovalutare la rimonta di Fangio, nel 1958 vince il titolo mondiale anche se si impone solo in Francia, in quella gara potrebbe doppiare Fangio, al suo ultimo Gp, in dirittura di arrivo ma si rifiuta di farlo. Arriva secondo in ben cinque Gp su 10 e conquista 4 giri veloce, che valevano un punto. A fine anno totalizza 42 punti validi contro i 41 di Moss che pure vince quattro gare. Il 1958 un'annata tragica, in Francia muore Musso, in Germania Collins, amico fraterno e compagno di squadra, dopo il Gp del Marocco il promettente Lewis-Evans. Hawthorn decide per il ritiro dalla competizioni a soli 29 anni, i 22 gennaio mentre sta guidando la sua Jaguar vittima di un normale incidente stradale, causato dalla pioggia, e muore nei dintorni di Guilford.